DAM Academy è un marchio registrato Teorema srl

Come impostare l’illuminazione della scena di un film

Probabilmente avete visto un horror oscuro, una commedia romantica ben illuminata, un film di guerra cupo e grintoso. Gli effetti digitali sono a volte utilizzati per colorare il film in fase di postproduzione, ma ciò che dà a ciascuno di questi tipi di film il suo aspetto unico èè la conoscenza del modo di illuminare una scena, e il tipo di illuminazione utilizzata sul set.

Come impostare l’illuminazione della scena di un film

Ci sono un paio di semplici tecniche che puoi impiegare, per ottenere l’illuminazione giusta per il video. La prima di queste è la tecnica di base di illuminazione a tre punti, che puoi osservare nell’immagine qui sotto.

Illuminazione a tre punti

Key Light

Questa è la luce più direzionata e impostata, nella configurazione a tre punti. È utilizzata per illuminare il lato forte o dominante del soggetto (determinata dal modo in cui il soggetto viene inquadrato, oppure puoi direzionale da sinistra di default).

La key light crea una maggiore quantità di luce rispetto alle altre tre, e di solito è impostata il più lontano possibile dal soggetto. Ed è diretta in un fascio leggermente più stretto rispetto agli altri, se possibile. Come risultato tende anche a creare le ombre più evidenti.

Luce di riempimento o diffusa

Il riempimento viene utilizzato per compensare la durezza delle ombre nette che possono essere causate dalla Key Light. È una luce più morbida, più indiretta, che riempie non solo il lato opposto del soggetto, ma illumina la zona immediatamente circostante.

Utilizzare un diffusore o un filtro sulla luce di riempimento, è un buon modo per spargere la luce e dargli un po’ di morbidezza aggiuntiva. Un sottile pezzo di “frost” o carta velina può essere posizionato davanti al proiettore, ma è meglio essere consapevoli che qualsiasi cosa si metta troppo vicino può diventare molto calda nel corso delle riprese!

Controluce

Il controluce fornisce un “cerchio” o un bordo attorno al soggetto, per “staccarlo” dallo sfondo. Questa luce è strepitosa per ritratti e primi piani, e la luce posteriore può essere posizionata leggermente bassa sul piano verticale e inclinata verso l’alto per fornire un effetto più morbido.

Sai come lavora il Direttore della Fotografia nel Cinema senza soldi? Leggi qui!

Nelle situazioni in cui il soggetto è vicino ad un muro e non si desidera un effetto “piumato” ai bordi del soggetto, si può effettivamente accendere la luce verso un muro ai lati del soggetto, e far rimbalzare la luce per meglio illuminare lo sfondo.

Luce rimbalzata

Può succedere, soprattutto se si utilizza luci a buon mercato o altri strumenti di illuminazione poco costosi, che ti ritrovi a non avere molto controllo su come illuminare una scena. La direzione, la diffusione, la temperatura e la nitidezza di ogni luce potrebbero sembrare come se fossero in contrasto con la tua idea dell’illuminazione del set. In questi casi è possibile far rimbalzare la luce su di un oggetto per creare un bagliore morbido, invece che un fascio accecante.

Usa un pezzo di polistirolo dal tuo negozio di artigianato più vicino, un parasole riflettente magari, o qualsiasi altro oggetto riflettente leggermente colorato (oro o argento). Accendi il proiettore a distanza dal soggetto e utilizza il pannello riflettente per far rimbalzare la luce in quella direzione. Potresti impiegare un po’ di tempo fastidioso per angolare il riflettore in modo che la luce rimbalzi su di esso correttamente, e illumini il soggetto in modo più piacevole, ma ne varrà la pena!

Fallo bene!

In molte location in cui ti troverai, in uno spazio chiuso potrebbe non esserci spazio sufficiente per impostare ogni luce nell’esatto modo in cui ne avrai bisogno. Potrai anche notare che l’alterazione all’altezza delle tue fonti di luce camba l’aspetto dell’inquadratura; una maggiore key light offre un effetto angelico, mentre basse luci angolate dall’alto provocano un più rigido aspetto spettrale.

Sopravvivere su un set cinematografico non è mai stato così facile!

È necessaria molta pratica e allenamento per ottenere ogni situazione corretta, ma ti accorgerai che, mentre il set può sembrare eccessivamente luminoso ad occhio nudo, saper illuminare una scena anima davvero una scena, e fornisce la luce necessaria per funzionare al meglio la macchina da presa.

Una soluzione economica

Se si sta lavorando con un budget limitato e non hai molti soldi da spendere per luci e sistemi di illuminazione, raccogliere alcune lampade base o quelle a morsetto da scrivania potrebbe essere proprio la cosa più semplice e più conveniente che si può fare. Queste magari non saranno di alto livello professionale, ma dureranno a lungo, dando alle scene un buon impatto visivo in più.

Se vuoi conoscere le tecniche cinematografiche iscriviti alla Romeur Academy!

I CORSI DAM ACADEMY

FOTOGRAFIA

ADV & POST PRODUCTION

CINEMA &

NEW MEDIA

GRAPHIC E WEB

COMMUNICATION

EVENT

MANAGEMENT